Il proclama di Rimini è un appello, datato 30 marzo 1815, con il quale Gioacchino Murat, insediato sul trono di Napoli da Napoleone Bonaparte, dopo aver dichiarato guerra all’Austria si rivolse agli italiani, chiamandoli alla rivolta contro i nuovi padroni e presentandosi come alfiere dell’indipendenza italiana, nel tentativo di trovare alleati nella sua disperata battaglia per conservare il trono. In realtà il proclama venne emesso da Gioacchino Murat il 12 maggio con la falsa data del 30 marzo e fu rivolto ai napoletani dopo la disfatta di Tolentino,[1] che segnò la fine del Regno di Murat su Napoli.

Il proclama colpì positivamente Alessandro Manzoni, che compose una canzone dal titolo omonimo la quale tuttavia rimase incompiuta in seguito all’esito negativo della campagna militare di Gioacchino Murat.

Pin It on Pinterest

Share This
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: