L’OMBRA DI JOACHIM MURAT

L’OMBRA DI JOACHIM MURAT

L'antico maniero  Le reazioni si susseguono dopo le ricerche avviate da un gruppo di esperti alla ricerca del fantasma di Re Murat sopralluoghi a Pizzo dell'Italian Paranormal Research  Accolti con curiosità e scetticismo ll fantasma di Murat? Non è il solo Altre...

MURAT.IT LINK

MURAT.IT LINK

Home Page  News  Premio di Poesia Introduzione Rocco Greco Teresa AVERTA Bianca TRAGNI Giuseppe Cultrera La Porta Francesco Giusy Staropoli Calafati Pasquale De Luca Giudizi della Giuria e proclamazione vincitore (14/1/2017) I° Album Foto Festa della Poesia...

L’Arresto di re Gioacchino Napoleone Primo

L’Arresto di re Gioacchino Napoleone Primo

LA STORIA DEL RE GIOACCHINO NAPOLEONE:  LO ARRESTO Se lo sbarco del Re Gioacchino Murat al Pizzo, produsse a ciascuno degli abitanti, una indicibile sorpresa. Una orribile costernazione surse nella famiglia di D. Giuseppe Pellegrino. E questa per motivi, che or ora...

LETTURE RISORGIMENTALI
PROGRAMMAZIONE DELLE GIORNATE MURATTIANE 2017

ASSOCIAZIONE CULTURALE GIOACCHINO MURAT ONLUS – PIZZO VIA NAZIONALE 98/B – 89812 PIZZO (VV) Tel. Fisso: 0963534299 – EMAIL: info@murat.it – Web: www.decenniofrancese.it PROGRAMMA DELLE GIORNATE MURATTIANE DEL 2017 SABATO 7/10/2017 a) Ore 16:00 CORTEO STORICO MURATTIANO con partenza dal Duomo di San Francesco di Paola ed il seguente itinerario: Via San Francesco, Corso Garibaldi, Piazza della Repubblica, Via Marconi, Chiesa di San Giorgio (Visita alla tomba del Re Gioacchino), Via Benedetto Musolino, Piazza della Repubblica. Luogo: Centro storico di Pizzo
b) Ore 17:30 PREMIAZIONE DEI GRUPPI STORICI PARTECIPANTI; Consegna Attestati e Saluti dell’Amministrazione Comunale di Pizzo. Luogo: Piazza della Repubblica – Pizzo
c) Ore 18:00 BALLI E DANZE STORICHE DELL’800 a cura del Gruppo di Ballo del Reale Gruppo Storico Gioacchino Murat; Luogo: Piazza della Repubblica – Pizzo
d) Ore 20:30 CENA DEL RE con la partecipazione dei Rievocatori in costume d’epoca. E’ gradito il costume d’epoca anche da parte degli invitati. Sono ammessi di diritto la Autorità, i Sponsor, i Rievocatori ed i Soci della Murat. Possono partecipare anche i non addetti alla Rievocazione purchè presentati da un avente diritto e dietro rimborso di un ticket forfettario a persona. Luogo: Villaggio Turistico NAPETO VILLAGE Località Marinella – Pizzo
DOMENICA 8/10/2017 d) Ore 09:00 MERCATINO STORICO DELL’800 Luogo: Piazza della Repubblica – Pizzo.
e) Ore 10:30 RIEVOCAZIONE STORICA dello sbarco di Gioacchino Napoleone Re delle Due Sicilie Luogo: Marina di Pizzo – Pizzo
f) Ore 11:30 Rievocazione Storica dell’arresto, condanna e fucilazione di Gioacchino Napoleone Re delle Due Sicilie Luogo: Piazza della Repubblica – Pizzo
LUNEDI’ 9/10/2017 g) Ore 10:00 – INCONTRO CULTURALE sul Parco Storico del Decennio Francese in Calabria (aperto al pubblico) Luogo: Marina di Pizzo Loggia della Tonnara Sala Convegni h) Ore 11:30 ASSEMBLEA ORDINARIA dei Soci del Consorzio del Parco Storico Regionale del Decennio Francese in Calabria (riservata ai Sindaci e/o Legali rappresentanti dei Comuni del Consorzio)
h) Ore 18:00 Inaugurazione spazio museale storico murattiano e Convegno Storico Luogo: Sala Falcone – Borsellino – Casa Comunale – S. Onofrio
MERCOLEDI’ 11/10/2017 i) Ore 17:30 – Incontro con il Prof. Daniele MARINO Docente Ordinario di Storia dell’Arte sul tema: “LA MORTE DI MURAT” L’opera inesistente. Saggio sulla formulazione di una narrazione storico artistica di un’opera mai realizzata, che riguarda il momento della morte di Murat nel Castello di Pizzo. Luogo: Castello Murat – Pizzo VENERDI’ 13/10/1815 l) Ore 16:00 COMMEMORAZIONE civile del 202° Anniversario della morte di Gioacchino Napoleone Re delle Due Sicilie; Luogo: Castello Murat – Pizzo m) Ore 18:00 S. Messa Solenne in suffragio dell’anima di Gioacchino Napoleone Re delle Due Sicilie celebrata da Don Pasquale Rosano, Rev. Parroco della Parrocchia di San Giorgio Martire di Pizzo e Concerto di Musica Sacra a cura dei cori polifonici: – Nuova Corale Polifonica di Vibo Valentia (dir. M° F. Arena) – Don Giosuè Macrì di Tropea (dir. M° V. Laganà) Luogo: Chiesa Matrice di S. Giorgio Martire – Pizzo


1815. I precursori del Risorgimento Italiano.
Sotto la guida di Gioacchino Murat il Regno di Napoli, come gli altri Stati dell’Europa napoleonica, prese parte alla campagna di Russia, l’evento militare che, di fatto, decretò la fine del potere di Bonaparte. Dopo la sconfitta, e il primo esilio di Napoleone all’Elba, Murat tentò l’accordo con l’Austria, per tornare a schierarsi con il cognato durante i Cento giorni. Dichiarata guerra all’Austria, il destino del regno di Murat sarebbe stato deciso nella battaglia di Tolentino (maggio 1815) vinta dalle truppe asburgiche. Proprio prima della decisiva offensiva, Murat, da Rimini, emanò il famoso proclama del 30 marzo. Ed è con l’accorato appello alle popolazioni d’Italia per la creazione di un fronte comune con il re di Napoli, nell’intento di contrastare lo straniero – l’Austria, che stava ponendo sotto il proprio controllo la penisola intera – che sancirà l’apertura di quell’ampio dibattito che avrebbe animato tutto il Risorgimento: «Italiani! L’ora è venuta che debbono compiersi gli alti destini d’Italia. La provvidenza vi chiama in fine ad essere una nazione indipendente. Dall’Alpi allo stretto di Scilla odasi un grido solo: l’indipendenza d’Italia. Ed a qual titolo popoli stranieri pretendono togliervi questa indipendenza, primo diritto, e primo bene d’ogni popolo?». La carta giocata da Murat si sarebbe tuttavia rivelata decisiva soltanto il 17 marzo 1861, quarantasei anni dopo il Proclama. L’indipendenza d’Italia si sarebbe infatti realizzata, ma sotto altre bandiere, quelle dei Savoia, e in un contesto storico completamente diverso. Il tentativo di Murat, ormai indebolito e privo dell’appoggio dell’importante e ingombrante cognato, si rivelò fallimentare: sul campo di battaglia, la speranza di vittoria contro l’esercito austriaco era infatti assai vana. Piegato politicamente e militarmente, dopo la battaglia di Tolentino, Murat, camuffato e braccato, fu costretto a espatriare. Quando si decise a tornare nel Meridione per rivendicare il suo trono, confidando nella sollevazione del popolo, si trovò di fronte a tutt’altra solidarietà: sbarcato a Pizzo Calabro nell’ottobre successivo, Murat venne preso e fucilato con i suoi sodali. Le guerre napoleoniche erano definitivamente finite. La parabola umana e politica di Murat si concluse così: sconfitto sul campo, abbandonato dal popolo, ucciso. Ma il suo breve regno, proprio grazie al Proclama del marzo 1815, segnò le sorti d’Italia per tutto il cinquantennio successivo.


 


Le Giornate Murattiane di Pizzo

LE GIORNATE MURATTIANE DI PIZZO [9/13 OTTOBRE 2017]
L’evento culturale più importante organizzato a Pizzo, borgo fra i più caratteristici della Costa degli Dei, è rappresentato dalle “Giornate Murattiane”. Dedicate allo sbarco, l’arresto, la condanna e la fucilazione del Re Gioacchino Murat, l’evento, organizzato dall’Associazione Gioacchino Murat, è finalizzato alla conservazione e valorizzazione dei beni storici e culturali e alla diffusione della conoscenza della Storia. La Rievocazione storica ripercorre gli avvenimenti relativi agli ultimi giorni di vita di Gioacchino Murat, fucilato a Pizzo il 13 ottobre del 1815. Murat, re del Regno di Napoli dal 1808, nel 1815 tentò di riconquistare il trono di cui si erano riappropriati i Borboni organizzando una spedizione navale a Salerno. Era convinto che da Salerno potesse marciare su Napoli grazie all’appoggio di sostenitori locali. Una tempesta però non consentì lo sbarco in Campania, e la spedizione rovinò sulle coste calabresi nei pressi di Pizzo dove, dopo inutili tentativi di dialogo, fu arrestato, processato e fucilato. Con passione e competenza l’Associazione ha sviluppato dodici scene lungo cui si snoda la vicenda di re Murat, dallo sbarco alla fucilazione nel Castello a lui dedicato Gli eventi vengono rappresentati da due Gruppi storici in costume d’epoca e diversi figuranti. Il primo gruppo ricostruisce la Corte di Re Gioacchino Murat con annesso Corpo di Ballo storico dell’800, mentre il secondo ricostruisce il 5° Reggimento di Fanteria di Linea dell’Esercito Napoletano. La spiaggia, le strade del borgo e lo splendido Castello divengono set della Rievocazione, evento capace di attirare un pubblico attento, partecipe e appassionato.


 

Pin It on Pinterest

Share This